Cosa e dove
Gola Gioconda un sistema di comunicazione per chi ama, produce, consuma cibo di qualità.

La verde Toscana scopre il BIO

Quanto vale il BIO toscano
Cresce la percentuale delle aziende che iniziano la conversione. Da sette anni il mondo del biologico prosegue la sua corsa, un crescita costante, a doppia cifra con una punta nel 2016 di + 16% di vendite(*). I dati si riferiscono alle vendite nella grande distribuzione, ed è qui che si concentra la maggior parte degli acquisti (il 48% nei super e il 35% negli iper). Limitatamente al settore food il biologico rappresenta adesso il 3,4% della produzione totale. A fronte di un aumento delle vendite corrisponde ovviamente un aumento delle produzioni e oggi in Italia 2 ettari di terreni coltivati su 10 sono biologici e solo nell’ultimo anno sono stati 300.000 quelli convertiti. E la Toscana che ruolo ha in tutto questo? Diciamo subito che il mondo produttivo bio in Italia è concentrato nel meridione, con la Sicilia che da sola vale 1/5 della produzione nazionale. La Toscana è insieme al Lazio la prima regione del centro nord con circa 130.000 ettari coltivati in modo biologico. Cosa si produce in Toscana? Sopratutto cereali e foraggio che insieme fanno quasi la metà delle produzioni, poi vite e olio e in quota molto minore ortaggi e frutta. Gli operatori sono oltre 5.000, un dato che fa, anche in questo caso, della Toscana la prima regione del centro nord con un incremento nell’ultimo anno del 4,8% Ma è nel rapporto tra agricoltura tradizionale e biologica che la Toscana segna la differenza con una percentuale di aziende certificate rispetto alle altre nettamente più alto della media, il 6,7% rispetto al 4,4% della media Italia e al 5,2% della media del Centro Italia. Un ultimo sguardo infine ai consumi, con i dati che AssoBio ( l’Associazione Nazionale delle Imprese di Trasformazione e Distribuzione di Prodotti Biologici e Naturali) ha diffuso recentemente. Nei primi mesi del 2017 (gennaio/aprile) le vendite complessive di food (alimentari + bevande + pet) sono aumentate del 3.7%, Il valore delle vendite di prodotti biologici è invece aumentato del 19.7%, con un importo di 1,33 miliardi nei dodici mesi terminanti il 31 marzo 2017. La crescita è sopra la media nei discount (+31.7%) e nelle superette (+23,5%); supermercati (vendite per 609 milioni, +19.8%) e ipermercati (vendite per 409 milioni, +16.7%) fanno la parte del leone. Il biologico pesa il 3.4% delle vendite alimentari (pesava per il 2% nel 2013) e gli acquisti dei consumatori italiani nei supermercati sono più che triplicati dal 2009. Rispetto allo stesso periodo di dodici mesi precedente, nella GDO le vendite di prodotti alimentari nel complesso sono aumentate di 419 milioni, quelle di prodotti biologici di 166: ciò significa che il biologico ha contribuito per il 40% alla crescita del mercato food. In aumento del 30% l’assortimento medio di prodotti bio nella grande distribuzione, in parole povere, su 100 nuovi prodotti inseriti a scaffale, 23 sono biologici. Tra i primi 15 prodotti per vendite in valore, è biologico il 52.8% di tutta la pasta integrale e speciale venduta in Italia, il 32.7% delle bevande vegetali sostitutive del latte, il 30.1% di confetture/marmellate, il 19% di legumi e cereali, il 14.5% delle uova, l’8.3% delle farine.

Cosa possiamo offrirti

Ristorante/wine bar

Iin occasione di grandi manifestazioni possiamo allestire ristoranti e wine bar anche in collaborazione con gli Istituti Alberghieri.

Le opportunità per leggere

Libri da sfogliare, libri da gustare. Per grandi e piccini. E' anche lo spazio dove diamo vita a presentazioni, incontri e degustazioni

Una Bottega piena di colori e sapori

La Bottega si propone di valorizzare, presso un pubblico molto ampio, eccellenze agroalimentari, produzioni artigianali e libri.

Valorizzazione dei prodotti

Nelle nostre manifestazioni incontrerete l’attenzione di tantissima gente e farvi conoscere e apprezzare fiera dopo fiera.

Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.