Skip to main content

Il clima nel piatto

Pubblicato il
20 Giugno 2024
Maurizio Izzo

Calano le produzioni agricole e l’occupazione. Crescono i prezzi

Alla fine, i conti saremo costretti a farli, intanto per noi li ha fatti l’ISTAT che ha calcolato quanto gli effetti climatici hanno penalizzato le produzioni agricole in Italia. I numeri dicono che il settore più colpito è quello della viticoltura dove la produzione è scesa del 17,4%. Siccità prolungata ma anche precipitazioni troppo intense hanno danneggiato i raccolti se non addirittura impedito lo sviluppo della pianta. Non è andata meglio per la frutta che registra un calo dell’11,2%, anche qui a causa in gran parte dei danni per il maltempo, pensiamo solo alle alluvioni in Emilia-Romagna terra di grandi produzioni di frutta e verdura. Perdite minori ma comunque significative per il florovivaismo e l’olio d’oliva, in quest’ultimo caso una tendenza che ormai dura da anni. Complessivamente il comparto ha perso l’1,8% quanto a produzione e il 2,5% quanto a valore. Gli effetti si sono visti sul fronte dell’occupazione con un calo del 2,4% e sull’aumento dei prezzi (+3,9%) ma in questo caso con variazioni importanti a seconda dei prodotti.  

Dal mondo social